Progresso Fotografico 37: Il fascino della luce ambiente

Codice articolo: PF37
Disponibilità: Disponibile

Libri
Autore Editrice Progresso
Editore Editrice Progresso
Formato 210 x 285mm
Lingua Italiano
Pagine 100

Opzioni disponibili

5.90€
-+
Descrizione

Il fascino della luce ambiente

La fotografia in luce ambiente è un argomento molto interessante in quanto la luce scarsa “stressa” la fotocamera, ma anche il fotografo che deve fare ricorso a tutte le sue capacità.” Ed infatti basta guardare l’ampiezza delle tecniche coinvolte, dal controllo dell’istogramma per misurare la luce scarsa o in controluce all’uso della “luce finestra” per realizzare un ritratto naturale, dal bilanciamento del bianco in luce mista a quello in chiave creativa, dalla luce morbidissima a quella contrastata. E poi la scelta dell’obiettivo, spesso focali fisse luminose, dal grandangolo al tele a seconda  del tipo di immagini da realizzare. Insomma, questo tema coinvolge tutte le tecniche della fotografia.

Quando si parla di luce ambiente viene subito da pensare alla luce scarsa, ma non è così; si fotografa in luce ambiente anche in esterni in pieno giorno, e spesso la luce non solo è sufficiente, ma è addirittura eccessiva! Troppa luce per sfocare un ritratto, troppa per allungare i tempi di posa. Anche in questi casi occorrono capacità tecniche per riuscire ad allungare il tempo di scatto quanto serve per il nostro progetto, per dare morbidezza alle nostre foto. Quello che rende interessante la sfida della luce ambiente non è quindi la carenza di luce, bensì la difficoltà di ottenere un contrasto adatto al soggetto.

Per affrontare un tema tanto vasto abbiamo esaminato una molteplicità di situazioni di ripresa spiegando come sono state affrontate, come si sarebbe potuto fare meglio, sempre integrando l’analisi con la tecnica degli “hot spot” della Guida all’immagine.

Anche gli autori li abbiamo scelti per l’interesse delle loro immagini in luce ambiente, nei generi più diversi. C’è il reportage di Gianluca Colla, che ama raccontare le sue storie sia con la fotografia che in video; ama la luce mista in cui le luci calde a incandescenza si mescolano alla luce naturale. C’è poi il reportage di matrimonio di Andrea Corsi e Daniele Vertelli che, fin dall’inizio del loro percorso professionale nella fotografia di matrimonio, si sono resi conto dell’importanza delle emozioni come la luce naturale sia quella più adatta per interpretarle.
Con Giovanna Talà si entra nella fotografia di teatro, dove la fotografia ambiente è quella del palcoscenico; se con le attuali fotocamere digitali la sensibilità non più un vero problema perché, come ci confermano tutti gli autori intervistati, la resa agli alti ISO è oggi sorprendente, Giovanna Talà fotografava in pellicola con la quale, lo sappiamo bene, i 400 ISO sono già una sensibilità “limite”, per non parlare degli 800 e dei 1600 ISO.
Per Massimo Siragusa la luce ambiente è un valore aggiunto, permette di mantenere le atmosfere dei luoghi e modellarne gli spazi; la luce ambiente consente di giocare creativamente con gli strumenti a disposizione restituendo magia alle immagini. 

Alcuni dei temi affrontati:

Ritratto in luce finestra 

La luce mista del crepuscolo: usiamo l’istogramma

Il grandangolo: una focale per la luce ambiente

Calcolare l’esposizione nel controluce

Il bilanciamento del bianco in chiave creativa

Una luce morbidissima per il ritratto

La luce laterale crea tridimensionalità

Un matrimonio originale

L’importanza delle ombre 

Correzione colore per una resa più naturale

Editing per recuperare un’immagine

Abbonamento a Progresso Fotografico: 6 numeri / anno

FotografiaStore.it © 2017 - Credits: imaginae.it