Bauhaus Fotografie

Bauhaus Fotografie

Codice articolo: L_ALI_199
Disponibilità: Disponibile

Libri
Autore I. Zannier, W. Liva, O. Akbar
Categorie Libri Storia + Critica
Editore Fratelli Alinari
Lingua Italiano
Pagine 178
46.00€
-+
Descrizione

La Bauhaus, fondata nel 1919 a Weimar da Walter Gropius, è considerata oggi in Germania la più rinomata istituzione d’arte e design dell’era moderna. Fino alla sua chiusura, nel 1933 da parte dei nazionalsocialisti, i concetti, le opere ed i prodotti elaborati hanno influenzato in tutto il mondo la percezione dell’arte, dell’architettura e del design. Prendono spunto da questo stile, correnti come il modernismo, l’astrattismo ed il futurismo e artisti come Luigi Veronesi, Bruno Munari e Gio Ponti. Il quadro che abbiamo oggi della Bauhaus ci viene trasmesso attraverso la fotografia; visto che molte creazioni originali sono andate distrutte. La gamma di immagini spazia dalle fotografie professionali di architettura ed oggetti, alle fotografie del palcoscenico fino agli esperimenti artistici, incluso l’impiego della tecnica di montaggio e del collage o del fotogramma. È possibile includere nella definizione “Fotografia-Bauhaus” tutto il materiale fotografico realizzato all’interno della scuola. Questa definizione però non può descrivere un orientamento stilistico omogeneo, come è stato fatto erroneamente in passato e come si fa con riferimento ad altri settori creativi. Con questo volume non si vuole fornire un contributo analitico sul tema, bensì si intende offrire, mediante una documentazione specifica, un piccolo spaccato di quello che è possibile includere nel termine collettivo “Fotografia-Bauhaus”: dalla fotografia istantanea degli studenti fino alla prestazione fotografica di prestigio. È stato fatto ricorso prevalentemente a materiale meno conosciuto, non spettacolare, tuttavia interessante, che tocca i temi più diversi e che, in molti casi, viene presentato per la prima volta. A cura di: Lutz Schöbe Testi di: I. Zannier, W. Liva, O. Akbar.

FotografiaStore.it © 2018 - Credits: imaginae.it